Registratore Telematico, si avvicina il 1 Gennaio 2020

Superato il primo step per chi aveva l’obbligo di installare un Registratore Telematico entro il 1 Luglio 2019 (volume di affari maggiore di 400.000 €), si sta avvicinando il secondo step: quello del 1 Gennaio 2020.

In tale data, infatti, anche chi ha un volume di affari inferiore a 400.000 €, ha l’obbligo di invio dei corrispettivi telematici.

Registratore Telematico per invio dati all'Agenzia delle Entrate

Per essere pronti, rispettare la legge, bisogna dotarsi ed installare un RT (registratore telematico), conforme alla legge o dove possibile modificare quello in essere.

Sei smarrito sul cosa fare e da dove iniziare? Continua a leggere questo articolo per capirne qualcosa in più e liberarti da pensieri superflui.

Il primo passo da fare è:

Accreditarsi al portale dell’Agenzia delle Entrate e nella sezione corrispettivi muniti di credenziali per l’accesso AE (password e pin). Attenzione però, si tratta di un accreditamento diverso da quello già fatto per la fatturazione elettronica. Qualora volessi maggiori informazioni, rivolgiti al tuo commercialista, fai contattare i nostri uffici per qualsiasi informazione.

Il passo successivo è:

Prenotare in tempo utile il tuo registratore telematico. Per evitare lunghi tempi di attesa e per ricevere info su credito di imposta, procedimenti, prenotazione RT, tempistica, costi e sgravi economici previsti, mettiti in contatto con noi.

Agevolazioni fiscali ed economiche

Con l’acquisto del nuovo prodotto, inoltre hai diritto ad un credito d’imposta pari al 50% della spesa sostenuta fino ad un importo di 250 € per l’acquisto di un nuovo Registratore Telematico e di 50 € in caso di adattamento del vecchio registratore fiscale, ove possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *