Registratore di cassa rotto? Ecco cosa fare

Ogni attività commerciale in pubblico che è in possesso di partita IVA, ha l’obbligo di emettere lo scontrino fiscale con un registratore di cassa omologato. E che succede se il bar, supermercato, negozio di oggettistica subisce un guasto e non può emettere lo scontrino fiscale perchè è rotto?

Ogni attività commerciale in pubblico che è in possesso di partita IVA, ha l'obbligo di emettere lo scontrino fiscale con un registratore di cassa omologato. E che succede se il bar, supermercato, negozio di oggettistica subisce un guasto e non può emettere lo scontrino fiscale perchè è rotto?Per prima cosa, niente panico e mettiamoci in contatto con il nostro centro di assistenza tecnico autorizzato alla riparazione di registratori di cassa e stampanti fiscali per segnalare il guasto. Successivamente, dovremo seguire dei passaggi per evitare di incorrere in sanzioni, visto che l’emissione dello scontrino fiscale è obbligatoria.

Prendere poi il libretto fiscale del registratore di cassa e segnalare che è rotto, indicando data e ora della richiesta di intervento e firmandolo, nella prima pagina bianca disponibile.

Niente panico, quindi, se il registratore di cassa è rotto. Ecco come potete procedere senza incorrere in sanzioni.

Cosa ci servirà per sopperire all’assenza momentanea del registratore di cassa?

A meno che non abbiamo un secondo registratore di cassa di emergenza installato e verificato, abbiamo bisogno del registro dei corrispettivi in caso di mancato funzionamento del registratore di cassa (che si può acquistare presso qualsiasi negozio autorizzato che si occupi di fiscali) ed un blocchetto di ricevute fiscali manuali.

Il primo servirà a tenere nota di tutte le transazioni giornaliere e ci permetterà di tirare la somma degli incassi a fine giornata (proprio come se fosse una chiusura giornaliera), mentre il secondo ci permetterà di dare la “prova d’acquisto” al cliente, in sostituzione dello scontrino.

Cosa succede in caso di controllo da parte delle forze dell’ordine?

In questo caso, sarà sufficiente mostrare alla Guardia di Finanza o a chi sta effettuato il controllo, la copia delle ricevute fiscali emesse e le relative riportate sul registro dei corrispettivi del mancato funzionamento, oltre che l’annotazione di richiesta intervento tecnico.

Per qualsiasi informazione o urgenza, i nostri recapiti sono a disposizione nell’area Contatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *